Modelli parlanti e 3D Map

3D maps Astrati

  • Pronto Astrati? Facciamo ponti e abbiamo messo su un nuovo prodotto che predice un possibile cedimento. Volevamo avere un modello 3D da portare in fiera e fargli raccontare come funziona.

 

Triste rimando alla città. Alla nostra città. Non possiamo dimenticarci di quello che è successo il 14 agosto del 2018 con il crollo del Ponte Morandi. In tutta Europa credo che nessuno riesca a guardare, attraversare un viadotto allo stesso modo. Ho forse di buono auspicio, visto che la campata del nuovo ponte che verrà posata a breve.

sottomarino

Il modello tridimensionale da portare in fiera è un modello grande 60 cm bianco con degli elementi in verde (riprendono i colori aziendali del committente) su base in legno scura e targa. L’impatto è quello di un modello nautico più che architettonico. L’idea del cliente è che su questo modello siano posizionati dei sensori che, inquadrati da un cellulare o da un tablet, diano dei dati o facciano vedere delle simulazioni che sono state fatte in quella porzione ponte, siano essi stralli o pilastri ecc.  

Questo modello è un modello parlante, ovvero un modello che racconta da solo chi è e a cosa serve. 

Esistono vari tipi di modelli parlanti:

Modelli parlanti solo virtuali, ovvero digitalizzando il soggetto tramite modellazione o scansione si fa parlare di sé il modello tramite scritte da cliccare o video.

3D Maps, ovvero modelli della città (quartiere, fabbrica, spiaggia…) come quelli fatti a Londra o San Francisco. Modelli reali stampati in 3D e non solo. La 3D Maps è a metà tra una mappa e un plastico. Il progetto si sviluppa come se da una cartina si elevassero i palazzi di una zona della città. Spesso hanno qualche colore ma sono prevalentemente bianchi in modo da permettere alle video proiezioni di raccontare la città: come si sviluppa, i cambiamenti, la viabilità ecc…

Modelli funzionali, di questi ne abbiamo fatti diversi per la nautica. Parti di imbarcazioni di dimensioni dai 10 cm fino a 60 cm in cui vengono esplicitati alcuni funzionamenti (l movimento del verricello e dell’ancora ad esempio, l’illuminazione o il funzionamento di una pedana).

Galata_scalato_8,4cm_2019-Feb-07_04-53-02PM-000_CustomizedView461895235

Astrati 3D Solutions-

Modellazione, scansione e produzione 3D

Mockup al Mets: 3D printing solutions

mockup modelli nauticiFerve l’attività in casa Astrati, dopo Monacò siamo partiti a produrre per la fiera di Amsterdam, il Mets.

Cosa produciamo questa volta? Modelli in scala o, meglio detti, mockup di panama, bitte, ganci ecc… tutti funzionanti.

I modelli sono delle riproduzioni fedeli, direttamente dai disegni tecnici dei prodotti dell’azienda Posidonia.

Astrati non si limita a dare il modello del prodotto stampato in 3D, rifinito e verniciato: per l’esposizione di Amsterdam l’azienda di componentistica nautica ci ha dato da allestire uno spazio circolare con un diametro di 50 cm. Per meglio presentare i modelli Astrati ha creato un espositore a forma di asterisco inclinato al cui centro c’è un pentagono con l’iniziale dell’azienda. I colori dell’espositore sono i colori aziendali.

L’espositore sarà girevole per meglio agevolare la fruizione dei modelli mobili.

Su uno dei cinque modelli c’è una decorazione “metti e togli”: questa decorazione simula la neve portata dal vento, in onore delle temperature dei mari del nord e dell’inverno che inizia.

I modelli avranno una loro grandezza (sui 15 cm circa).

Qual’è la particolarità di questi modelli?

Sono modelli tecnici, prototipi o modelli espositivi?

Sono tutto quest

o messo insieme, con un allestimento che arricchisce e rende migliore l’esposizione.

Espositore + mockup modello nautica

Certo, azienda avrebbe potuto portare i suoi prodotti reali ma non sarebbe stato la stessa cosa, perché?

  • perché avrebbero occupato molto più spazio;
  • perché sono oggetti pesanti e non facilmente maneggevoli e quindi non sarebbe stato facile farli visionare ai clienti in fiera;
  • il loro trasporto sarebbe stato più laborioso;
  • lo stand avrebbe avuto una diversa percezione.

Questi modelli non sono gli oggetti reali ma sono identici, più piccoli, leggeri e maneggevoli degli oggetti reali.

Provenendo dai disegni tecnici hanno tutte quelle particolarità che rendono unico il prodotto dell’azienda Posidonia.

Cosa deve fare un’azienda che volesse produrre il suo prototipo o i suoi modelli per gli allestimenti fieristici o mockup?

Ci contatta e ci spiega lo spazio che vuole dedicare ai modelli, se devono essere funzionanti o meno, quali sono i concetti che è importante passare attraverso il modello, decidere il materiale e le verniciature. Concordare assieme il modo di

modello ed espositore

esporre il modello.

Per arrivare alla stella a pentagono siamo passati dalla stella di natale, al ghiaccio finto, alla neve, al fondale fotografico…fino a trovare questa forma che ricorda la stella di natale, ingloba e presenta i modelli senza soffocarli ed espone il logo dell’azienda.

I disegni tecnici del prodotto servono per poter creare il modello per la stampa 3D. Astrati può fare scansioni tridimensionali ad alta definizione nel caso di macchinari o prodotti di cui non si hanno più i disegni tecnici.

La stampa 3D è uno dei mezzi, insieme al taglio laser, alle verniciature, alla buona e cara carta abrasiva, allo stucco, ai diversi collanti ecc… Il grande pregio della stampa 3D è la precisione con la quale si possono restituire prodotti.

Per qualunque informazione: www.astrati.eu

Quando deraglia un treno.

modelli tecnici per diorama
Elementi per il diorama

Mentre ero a Monacò alla fiera di Super Yacht, Enrico faceva le notti in ufficio.

Io prendevo l’aperitivo con champagne e salmone norvegese mentre lui stuccava e verniciava fondali che ritraevano rotaie ferroviarie in aperta campagna.

Entrambi lavorevamo. Solo in modo diverso.

Nel mio vestitino rosa con i tacchi a 20 cm scambiavo biglietti da visita nel mio improbabile inglese.

Enrico carteggiava la testa di un treno tra le polveri di resina metacrilica.

Come è iniziato tutto ciò? Con me in abito verde e tacchi a una fiera dell’energia: girando e spargendo sorrisi e biglietti da visita, incontro un’azienda che si occupa di martinetti.

Dopo quasi sei mesi mi chiamano:

  • Pronto Astrati? Abbiamo bisogno di un modello in scala dei nostri martinetti idraulici per una fiera che si terrà a Milano tra venti giorni.

Parto e li vado a trovare. Il progetto è chiaro:

  • Abbiamo comprato un treno della Lego, voi dovete stampare i nostri elementi da inserirci.
  • Un treno della Lego?
  • Certo, i nostri martinetti idraulici servono per rimettere sui binari i treni quando deragliano, altrimenti come si fa a rimetterli sui binari?

Effettivamente non ci ho mai pensato… cosa succede quando deraglia un treno? Ho un’idea fantasiosa di una grande gru ma effettivamente i treni sono grossi e pesanti, quanto dovrebbe essere grande questa gru? La soluzione dei martinetti idraulici invece è molto più sensata: c’è una trave che viene posizionata sui binari, essa è grande quanto è grande la distanza del treno dai binari, si posizionano i martinetti sotto il treno che piano piano lo alzano e lo riportano sul binario.

Iniziamo a guardare i disegni e a pensare quanto devono essere grandi per rispettare le proporzioni del treno della Lego. Prese due misure scopriamo che:

1- Il treno della Lego non è in scala, ovvero la larghezza e l’altezza non seguono nessuna proporzione logica.

2- Scegliendo anche la misura più grande, che è la larghezza, i modelli dei martinetti risultano così piccoli che sono invisibili nel complesso del modello.

diorama in preparazione
Preparazione diorama

Dopo una consultazione tra tecnici, responsabili e noi di Astrati, che è durata diverso tempo, si decide che il trenino sarà regalato al figlio della responsabile e il modello, treno compreso, verrà costruito da Astrati.

La responsabile decide di farci fare un diorama.

Cosa è un diorama? Un diorama è quasi un quadro: è un quadro che esce per divenire tridimensionale, è come gli stucchi delle chiese barocche del seicento genovese. Nelle decorazioni genovesi c’è sempre una parte bidimensionale che a un certo punto esce dalla parete per divenire basso rilievo, alto rilievo o statua a tutto tondo. Unito ad una visione prospettica molto spinta, il tutto diviene stupefacente e lascia un senso di meraviglia.

Nel modellismo è un teca che ha una parte piatta disegnata e una parte tridimensionale. Abbiamo scelto di fare un disegno 3D iperealistico per il terreno dove ci sono i binari e la parete frontale dove c’è il paesaggio di campagna e gran parte del treno. Sfruttando la visione prospettica abbiamo fatto uscire solo il muso del treno deragliato al quale sono stati applicati i martinetti idraulici in questione.

Per amplificare il senso di prospettiva e rendere solidale il treno al fondale (la parte più pesante ed ingombrante), abbiamo creato un doppio fondo: in primo piano c’è il paesaggio col treno e in secondo piano il cielo, essi sono incollati su due supporti differenti.

Per far risaltare il prodotto del cliente si è utilizzato il fotorealismo a toni spenti per il fondale, il bianco per gli elementi di arredo ( treno e operaio in tuta da lavoro con logo dell’azienda in colore magenta) e il nero e il magenta per i prodotti dell’azienda. Il magenta è il loro colore aziendale.

Il tutto è stato confezionato in una teca di plexiglass di 45 cm su base in legno con targhette.

diorama-1.jpg
Diorama

Oggi stiamo lavorando ad un tavolino espositivo con su dei modelli funzionanti per un’altra azienda. Il progetto è chiamato internamente: il monte puffo. Ve ne parlerò in una prossima puntata.

Se desiderate modelli per esposizioni e fiere contattate: info@astrati.eu